Suite Design Studio si occupa di Web Design, Grafica, Fotografia e Social Media Marketing, sviluppando soluzioni progettuali per aziende, privati ed eventi. Curiosità, ironia, ricerca e sperimentazione sono le caratteristiche di ogni progetto intrapreso dallo Studio.

© 2017 Suite Design Studio

Strategy

riutilizzare-vecchi-articoli-di-blog-per-aumentare-il-traffico

Riutilizzare vecchi blog post: Sfruttare il potenziale di ogni articolo

3 consigli per rilanciare il tuo blog e aumentare il traffico

Scrivi il tuo blog da un po’ di tempo e hai l’impressione di non ricevere il traffico di utenti che meriteresti? Probabilmente non sfrutti a dovere il potenziale nascosto di ogni articolo.
Aggiornare spesso il proprio sito con contenuti nuovi è una buona abitudine “agli occhi” dei motori di ricerca, ma non bisogna ignorare tutti quegli articoli già pubblicati e sicuramente già dimenticati.

Ricondividere un vecchio articolo potrebbe portare più traffico al tuo blog rispetto alla pubblicazione di un nuovo contenuto.
Questo perché un testo che sta online da qualche tempo, ha già avuto modo di posizionarsi nelle ricerche organiche e attrae pubblico da solo in modo continuativo (sempre se è stato fatto un buon lavoro sulla SEO).

Quindi, come far crescere il tuo blog? Vediamolo in 3 punti.

 

1 Come prima cosa fai una lista di tutti i tuoi contenuti

Prendi tutti gli articoli pubblicati almeno un anno fa e, utilizzando Excel o software simili, comincia ad organizzare il lavoro con una semplice tabella con almeno 4 colonne: Titolo dell’articolo, URL, data di pubblicazione, interazioni (traffico, bounce rate, commenti, condivisioni…).

I titoli che hanno ottenuto punteggi migliori sono quelli su cui è possibile fare un lavoro di ottimizzazione.

Tieni conto anche del posizionamento organico, scegliendo quegli articoli che sono arrivati già in terza o seconda pagina. Un posizionamento peggiore richiederebbe molto più lavoro per migliorare il traffico.

 

2 Aggiorna i contenuti e migliora la SEO on-page

Ricorda sempre che un buon articolo è utile ai suoi lettori e permette di apprendere nozioni o di risolvere dei problemi.
Cerca di essere accurato ed esaustivo aggiornando tutte le informazioni non più attuali, aggiungendo le mancanti e cercando di scrivere un testo SEO oriented, capace cioè di essere trovati dagli utenti consultando i motori di ricerca. Se non sai di cosa stiamo parlando o per un semplice ripasso, rimandiamo a questo articolo sulla SEO di base.

Se lo consideri utile, o se vuoi mantenere una certa trasparenza con i tuoi utenti, puoi aggiungere una nota a fine pagina in cui segnali la data del’aggiornamento.

 

3 Promuovi il tuo blog su tutti i canali digitali

Usa la sezione related articles, o articoli correlati, per linkare alla fine di un articolo qualche tuo vecchio contenuto. Cerca di raggruppare gli articolo in modo che abbiano coerenza negli argomenti.

Un’altra cosa che puoi fare è condividere con un link i tuoi blog post sui social, allegando una bella immagine di anteprima e scrivendo un paio di righe che invoglino a proseguire la lettura. Di solito si usa scrivere le prime righe dell’articolo oppure un riassunto dei concetti espressi.
Alterna articoli vecchi e nuovi e sponsorizza quelli che suscitano più interesse per aumentare ancora il traffico sul sito.

Potresti, inoltre, linkare i blog post di maggiore successo in una newsletter che invii regolarmente alle tue liste di utenti, massimizzando le possibilità di ogni contenuto.

 

In conclusione, un buon articolo non si esaurisce (quasi) mai

Curare un blog richiede tempo e fatica e non utilizzare ogni articolo a dovere sarebbe uno spreco. Non fare l’errore di trascurare i tuoi vecchi articoli poiché potrebbero nascondere ancora del potenziale, se opportunamente aggiornati e ottimizzati

Sai che la maggior parte dei contatti viene raccolta proprio grazie ai blog aziendali? Suite Design Studio sviluppa piani di Blog e Content Marketing su misura per qualsiasi tipo di business.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

tik tok marketing per aziende

Tik Tok Marketing: Strategia per le aziende

Tik Tok per le aziende: come fare marketing con la piattaforma più usata dai giovani

Tik Tok e l’app del momento: solo in Italia conta oltre 2 milioni di iscritti e circa 230 video caricati ogni minuto.
Un vero trend del 2020 insomma, che secondo molti non farà che crescere.
Ogni giorno milioni di iscritti raccontano con brevi video i propri gusti musicali, parlano di moda e stile, food e life style.
L’engagement è sempre leggero e giocoso, dando vita a tormentoni e challenge, ovvero delle sfide.
Proprio le challenge sono state il primo punto di contatto tra i brand e Tik Tok: Nike, Vodafone, Xfactor Italia e l’Inter sono state le realtà che meglio hanno utilizzato il gioco della sfida per migliorare la loro immagine ed affermarla su questo nuovo canale.
Notando queste case history e il sempre maggiore interesse verso il social da parte di piccole e medie imprese ci siamo chiesti: come utilizzare Tik Tok per le aziende?

È importante per un’azienda essere su Tik Tok? E quale utenza si può raggiungere?

Come per ogni nuovo account di qualsiasi social, la prima cosa è capire quali sono i propri obiettivi di business e il pubblico target.
Dopodiché consigliamo di aprire un account e osservare un po’ l’ambiente circostante, studiare come funziona.
Un utente abituato ad altri social network può rimanere inizialmente spiazzato dalle caratteristiche così peculiari di Tik Tok, caratteristiche che ne costituiscono la forza ed il successo: ha le principali funzioni social (like, condividi, rispondi…) ma i contenuti sono esclusivamente video brevi e divertenti, adatti ad un’utenza giovane che vogliono “passare il tempo” con contenuti leggeri e partecipare al gioco generandone a loro volta semplicemente con la fotocamera dello smartphone (ricordiamo che Tik Tok è disponibile solo in versione mobile).
Da un certo punto di vista, Tik Tok non è nemmeno un vero e proprio social, in quanto non avviene nessuno scambio di informazioni.

Una volta capite le regole del gioco si può cominciare a lavorare sulla propria immagine. A questo punto subentra praticamente l’unico scoglio di questo particolare social: bisogna riuscire ad essere estremamente creativi in video di pochissimi secondi e utilizzando solo lo smartphone.
Caricare un bel video non è ancora sufficiente. Bisogna riuscire a generare ingaggio e attenzione utilizzando le 3 possibilità principali di questo social, ovvero challenge, influencer marketing e user generated content:

  • Challenge: Si può creare un video che sfidi gli utenti a ripetere una determinata azione, coreografia o altro tipo di prova aggiungendo l’hashtag personalizzato scelto per questa campagna comunicativa;
  • Influencer marketing: Realtà già affermata su altri social, su qui è ancora agli inizi ma in rapida crescita, quindi si può valutare di investire in collaborazioni con influencer di settore;
  • User Generated Content: Invitare i propri follower a caricare video in cui utilizzano prodotti e servizi, un po’ come fossero dei micro influencer, con l’obiettivo di per aumentare l’awareness.

In conclusione, hai bisogno di Tik Tok per la tua azienda?

Se il prodotto o servizio proposto si rivolge principalmente ai giovani e se è valorizzabile con un video, allora assolutamente sì.
Bisogna sempre ricordarsi però che su questo social, il messaggio è ridotto all’essenziale e che non c’è una vera condivisione di informazioni e che, contrariamente a quanto accade sugli altri social network, qui non è premiata tanto la qualità (anzi, forse non interessa proprio), quanto più l’estrema creatività, il creare sempre qualcosa di nuovo anche se magari non perfetto.
Bisogna studiare una comunicazione adeguata, altrimenti, comportandosi come su Facebook o Instagram, si rischia di avere risultati controproducenti, vanificando tutto l’impegno.

Aumenta la tua visibilità grazie ai Social! Suite Design Studio sviluppa piani di Social Media Marketing su misura per qualsiasi tipo di business.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

social network trend 2020

Social Network: 5 trend del 2020 da seguire subito per migliorare la tua presenza online

I 5 trend da tenere d’occhio per quest’anno

La maggior parte di noi passa diverse ore al giorno sui social network condividendo informazioni, interagendo e scrollando la pagina alla ricerca del contenuto più recente. Per molti di noi ormai navigare su Internet significa stare su Facebook: si possono trovare aziende e locali, recensioni e consigli, intrattenimento e informazione. Quello dei Social è un mondo molto diversificato ma, per la sua mole di informazioni, molto caotico.
Il marketer attento, quindi, deve trovare il modo di spiccare tra la folla che popola la home dei nostri social.

 

5 consigli per migliorare la tua comunicazione sui social

Alla fine del 2019 si stavano delineando dei trend in rapida crescita, confermati poi dalle tendenze di questi primi mesi del nuovo anno.
Vediamo insieme i 5 trend del 2020 per migliorare la tua comunicazione sui Social Network.

 

1. Aumenta il numero di Stories e Video

Tra il 2016 e il 2019 il numero di Stories è cresciuto di 5 volte: un impressionante aumento nell’arco di soli 3 anni, crescita questa che non accenna a fermarsi.
Il loro successo è dovuto alla loro stessa natura. Le Stories, o storie, sono dei contenuti fotografici o video che durano una manciata di secondi e che spariscono automaticamente dopo 24 ore. Per spiccare tra tutte le altre, una stories deve essere accattivante e coinvolgente, veicolando il messaggio in pochissimi secondi. La semplicità poi con cui si “sfogliano” le storie (inizialmente di Instagram, ma oramai anche di Facebook) permette di inserirsi facilmente nel feed di un follower.
Allo stesso modo i contenuti video, sempre di breve durata, stanno spopolando a discapito di altri media. Non è casuale, quindi, il successo del recente Tik Tok, ancora acerbo per il business ma che merita di essere tenuto d’occhio.
Considera di aggiungere alla tua normale pubblicazione dei video di valore e delle storie con cui poter mostrare lati inusuali, più “spensierati” della tua attività. Oppure usale per condividere offerte commerciali momentanee o contenuti dei follower, aumentando il senso di appartenenza e community.

 

2. Da Macro Influencer a Micro Influencer

Ormai i grandi influencer sono una realtà ben strutturata, delle vere e proprie agenzie pubblicitarie in cui la stessa persona svolge il ruolo sia di agenzia che di testimonial. Potrebbe essere ugualmente interessante, ma soprattutto più economico, rivolgersi invece a più micro influencer, ovvero influencer con bacini di follower inferiori perché ancora in crescita o estremamente di nicchia, ma che si rivolgono in modo eccellente a dei precisi target commerciali.

 

3. Social Commerce: come vendere sul web in modo semplice

Abbiamo già parlato in un recente articolo delle possibilità dell’e-commerce e della vendita online. Vendere sui Social però può essere un’opzione più semplice ed economica, con la possibilità di vendere al dettaglio raggiungendo clienti ben targettizzati grazie a Facebook Marketplace.
Unendo la vetrina della propria pagina Facebook all’account Instagram, si potranno abilitare gli acquisti anche da quest’ultimo, direttamente dall’ultima foto postata. Ridurre il numero di interazioni necessarie alla conversione è un ottimo modo per trasformare un utente in un cliente effettivo.

 

4. Cura la Community

I Social Network offrono possibilità incredibili per farsi trovare dai clienti (potenziali o già consolidati) in ogni fase del processo di acquisto, dalle fasi preliminari alla transazione, fino al post vendita e customer care.
Invogliare la community di follower a interagire e a condividere, rispondere sempre a domande e curiosità e  prestare assistenza tempestiva è un ottimo modo per migliorare la brand awareness e, di conseguenza, aumentare la fidelizzazione, conversioni e vendite.

 

5. Qualità: postare poco ma meglio

Sappiamo tutti quanto può essere fastidioso avere la casella e-mail intasata da insistenti proposte commerciali. Sono tutti messaggi che nella migliore delle ipotesi porteranno l’utente a eliminare l’iscrizione alla newsletter, nel peggiore a gettare le mail in spam bloccando il mittente.
È esattamente quello che accade con i social quando una pagina posta contenuti in modo insistente e monotono: gli utenti smetteranno di seguire la pagina, toglieranno il like e potrebbero addirittura sconsigliare il brand di turno ai propri conoscenti.
Come abbiamo espresso nell’introduzione, è fondamentale riuscire a far sentire la propria voce nella folla caotica dei social.
Per fare questo è meglio ridurre il numero di post e concentrarsi invece sulla loro qualità.
Stilare un calendario editoriale è un ottimo modo per studiare le strategie di pubblicazione sul lungo periodo e per non pubblicare contenuti casuali giorno per giorno, senza un filo logico.

 

In conclusione, segui i consigli ma non dimenticarti di sperimentare!

Seguire la traccia lasciata da marketer più esperti è vantaggioso, ma lo è ugualmente sperimentare! Di tanto in tanto prova a fare una piccola modifica ad un post e registra la reazione dell’utenza: potresti scoprire qualcosa di nuovo ma che funziona bene per te e per la tua azienda.
L’obiettivo finale è far sentire la propria voce, rendersi riconoscibili: ci vuole metodo ma anche creatività.

Aumenta la tua visibilità grazie ai Social! Suite Design Studio sviluppa piani di Social Media Marketing su misura per qualsiasi tipo di business.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

google ads

Come usare Google Ads: 3 consigli per la tua prima campagna

Come impostare e gestire una campagna sulla rete di ricerca

 

Una campagna sulla rete di ricerca può essere un ottimo modo per far acquisire notorietà ad un’attività appena avviata. Questo perché tra tutto il traffico che arriva al sito, quello che deriva dai motori di ricerca come Google ne rappresenta sicuramente la maggioranza.

Una campagna sponsorizzata sulla rete search di Google andrebbe gestita da un professionista per non rischiare di sprecare budget, o comunque da una persona già mediamente pratica del software.
Se sei già pratico del programma, o se comunque vuoi provare a impostare e a gestire la tua prima campagna, abbiamo stilato 3 consigli utili per te.
Senza mai dimenticare che alla base di una campagna riuscita, oltre alla dimestichezza con la piattaforma, c’è sempre una buona strategia SEO.

Google Ads per principianti: 3 consigli per cominciare

1. Scegliere l’opzione giusta

Esistono principalmente due modi di usare Google Ads: “Campagna Intelligente“, una modalità che semplifica la visualizzazione della piattaforma e che nasconde funzionalità avanzate a favore di una procedura guidata, molto adatta alle piccole attività, sia online che su strada, e per chi è alle primissime armi; una modalità più “professionale” e complessa che permette di spaziare tra tantissimi formati pubblicitari (annunci testuali, grafici, video, app, ecc) e che mostra all’utente tutte le opzioni di personalizzazione più avanzate.
La prima opzione è sicuramente più immediata, ma la seconda darà frutti migliori sul lungo termine, a fronte di uno studio più profondo della piattaforma.

Ulteriori informazioni a riguardo si possono trovare al centro assistenza di Google.

 

2. Capire quando usare la rete Search e la rete Display

Quando creiamo un annuncio testuale per la rete di ricerca, abbiamo la possibilità di renderlo visibile anche sulla rete display. Ciò cosa significa?
Vediamo le differenze principali tra annunci search e annunci display.
Gli annunci testuali vengono mostrati nella SERP (pagina dei risultati di Google) quando un utente cerca parole chiave da noi selezionate, spendendo il budget quando tali annunci vengono cliccati.
Gli annunci display invece sono dei banner pubblicitari che appaiono su siti web simili per argomenti al nostro, con l’obiettivo di mostrare un prodotto ad un utente che non sta attivamente cercando qualcosa, ma che potrebbe essere comunque interessato. Questi annunci, avendo lo scopo di mostrare (to display), vengono pagati per visualizzazione invece che per interazione.
Due obiettivi diversi richiedono un tipo di comunicazione diversa e, quindi, due campagne separate.
Questo non significa che gli annunci di una campagna search non possano mai essere mostrati anche nella display come banner di solo testo, ma che bisogna fare delle valutazioni volta per volta per non dare una comunicazione confusa.

 

3. Impostare le giuste corrispondenze per le parole chiave

Impostare le corrispondenze per le parole chiave aiuta ad aumentare il dettaglio della campagna, ad evitare di mostrare annunci per ricerche non attinenti e, in generale, di diminuire i costi.
Esistono 3 tipi di corrispondenza, che vanno impostati usando gli opportuni segni di punteggiatura:

  • Corrispondenza generica: Si ottiene aggiungendo la keyword così com’è. È la corrispondenza meno dettagliata e con il più alto livello di indagine poiché attiva gli annunci anche per sinonimi e parole correlate. Può essere affinata con un modificatore “+”. Esempio: scarpe da +donna, la keyword donna è fissata nelle ricerche ed esclude automaticamente prodotti da uomo.
  • Corrispondenza a frase: Si ottiene aggiungendo le virgolette alla parola chiave. La ricerca deve contenere la parola o frase digitata, anche aggiungendo altre parole prima o dopo. Esempio: “scarpe da donna” attiverà anche scarpe da donna rosse oppure dove comprare scarpe da donna.
  • Corrispondenza esatta: Si imposta con l’aggiunta delle parentesi quadrate. Gli annunci vengono mostrati solo dalle ricerche che coincidono esattamente con la parola chiave. Esempio: [scarpe da donna].

Se notiamo che i nostri annunci vengono attivati da ricerche poco pertinenti, può esserci d’aiuto impostare anche la corrispondenza inversa, ovvero keyword che, se presenti nella ricerca dell’utente, non fanno vedere l’annuncio. La corrispondenza inversa si imposta con il segno del meno ( – ). Per esempio, per rimanere nell’argomento scarpe, potremmo aggiungere -zalando per evitare che il nostro annuncio appaia in ricerche come scarpe da donna su zalando.

 

In conclusione, ricordiamoci sempre di lavorare sulla tracciabilità e sull’analisi

È essenziale che le campagne sponsorizzate corrispondano a obiettivi chiari e reali: aumentare visite al sito, aumentare le telefonate, aumentare le conversioni, aumentare le visite in negozio. Solo così possiamo avere un riscontro reale sull’andamento ed efficacia delle sponsorizzazioni.
Fare campagne “tanto per provare” non può portare una crescita reale e, soprattutto quando il budget è ridotto, non c’è molto spazio per gli esperimenti: più studieremo prima, meno aggiustamenti in corso d’opera dovremo fare poi.

Vuoi migliorare la tua presenza online e vendere grazie ai motori di ricerca? Suite Design Studio sviluppa la tua campagna su Google Ads.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

seo 2020

SEO 2020: i 3 errori più comuni

Le “vecchie abitudini” che nuocciono al tuo sito web

 

Mentre le tecniche di marketing digitale tradizionale sono sempre valide, i numerosi cambiamenti apportati da Google ai suoi algoritmi costringono tutti i marketer ad aggiornarsi e ad integrare nuove strategie.
I tecnici del marketing alle prime armi, o semplicemente marketer che non hanno fatto caso ad un update, potrebbero continuare a mettere in atto, dopo i vari aggiornamenti, strategie ormai inutili o addirittura controproducenti.
Vediamo quindi quali sono, e come risolverli, i 3 errori SEO più comuni nel 2020.

 

1. Keyword stuffing, o abuso di parole chiave

I tools più comuni come Yoast ci consigliano una certa percentuale di parole chiave da inserire all’interno di un articolo al fine di renderlo visibile dai motori di ricerca. Un marketer alle prime armi potrebbe cercare di ottimizzare l’articolo esagerando con le keyword a discapito della sua leggibilità.
Oggi gli algoritmi di Google preferiscono un contenuto scritto per gli utenti, ovvero utile, leggibile e comprensibile. I bot notano quando scriviamo frasi forzate solo per “imbottirle” di parole chiave, penalizzandoci.
Nel caso di questo articolo, per esempio, è stata stilata una lista ordinata con titoli chiari e spiegazioni dettagliate che contengono parole chiave secondarie. Inserire in modo forzato “SEO 2020” per tutta la lunghezza dell’articolo non potrà apportare nessun miglioramento.

 

2. URL senza parole chiave: non sempre i domini esatti sono i migliori

Google non ritiene più attendibile come sinonimo di qualità del sito la corrispondenza esatta tra dominio e nome del marchio, proprio perché ormai riesce a capire il senso e l’intento dei contenuti.
Una buona prassi quindi è quella di unire brand e keyword, cercando però di creare un dominio comunque breve e chiaro.

 

3. Acquisto link. Meglio curare il profilo backlink organico

Il fattore trust, fiducia o credibilità in italiano, è appunto un valore che indica quanto il nostro sito sia affidabile. Un modo per aumentare questa “simpatia” agli occhi di Google, è essere linkato da altri siti che hanno già una buona credibilità, creando una rete di cosiddetti backlink. È logico quindi pensare che rivolgersi a piattaforme di vendita link non è un’azione consigliata.
Ci sono diversi tool per valutare l’attendibilità del nostro sito, tra cui Ubersuggest, gratuito ma con delle funzionalità premium, e SEOZoom, strumento a pagamento ma che offre una settimana di prova e diversi piani di pagamento.

 

In conclusione, ricordiamoci sempre di lavorare sulla qualità

È essenziale curare il lato più tecnico dell’ottimizzazione SEO (link, ricerca keyword, domini…) ma dobbiamo sempre tenere a mente che, prima di tutto, un contenuto per essere considerato da Google deve essere un buon contenuto: originale, senza errori e soprattutto comprensibile e utile per le persone a cui vogliamo rivolgerci. Scrivere senza quest’ottica difficilmente porterà a risultati concreti, nonostante tutti gli accorgimenti che possiamo prendere.

Vuoi migliorare la tua presenza online e vendere grazie ai motori di ricerca? Suite Design Studio sviluppa la tua strategia SEO.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

marketing digitale e marketing tradizionale

Marketing digitale e marketing tradizionale: come integrarli

Le differenze tra il marketing digitale e il marketing tradizionale sono piuttosto evidenti: il primo si concentra esclusivamente sul web mentre il secondo necessita di supporti classici come stampa, TV e radio.
Fatta eccezione per il media e per questioni tecniche e strategiche, le differenze si fermano qui: l’obiettivo del marketing rimane sempre e comunque la comunicazione e la vendita
È errato quindi, al giorno d’oggi, sviluppare una strategia di comunicazione che coinvolga solo i canali digitali o solo l’offline.
Una strategia intelligente mescola i punti forti del marketing digitale a quelli del tradizionale, integrandoli per raggiungere gli obiettivi prefissati.

 

Come unire marketing digitale e tradizionale

L’obiettivo è creare un flusso di comunicazione cross-mediale che conduca per mano le persone attraverso tutto il customer journey.
Per esempio potremmo creare una newsletter con i contatti raccolti dal sito o da attività di advertising e inviare periodicamente mail pubblicitarie o promozionali con l’invito agli utenti o clienti di farci visita al negozio.
Alle persone che visitano il punto vendita si potrebbero regalare dei gadget come una shopper in tela brandizzata o dei volantini delle offerte, andando a proseguire quella narrazione cominciata nella mail.
Oppure, partendo dal tradizionale per finire sul digitale, supponendo come obiettivo la vendita tramite e-commerce, si potrebbe ideare uno spot televisivo, radiofonico o della cartellonistica che contengano una Call To Action molto chiara: ovvero l’invito a visitare il sito web. Una volta sul sito gli utenti ritroveranno le stesse tematiche degli spot riadattate al media digitale, così da proseguire il flusso narrativo e mantenere l’attenzione del potenziale cliente.

 

Gli “ingredienti” del digital marketing

Per mettere in pratica azioni strategiche online, non si può fare a meno di due strumenti fondamentali: sito web e account social (più i vari tool necessari alla loro gestione).

 

Sito Web

Il Sito Web è il cuore di qualsiasi attività di marketing digitale.
È uno strumento indispensabile, tanto che oramai per praticamente qualsiasi tipo di attività, non avere un sito equivale a essere invisibili.
Il Sito Web, oltre alle funzioni specifiche del caso (acquisti, prenotazioni o altro) deve costituire il biglietto da visita del brand.
È importante quindi che sia ottimizzato per qualsiasi browser e device come PC, smartphone, tablet e, probabilmente a breve, smartwatch.
Oltre all’esperienza di utilizzo da parte dell’utente, il sito è utile anche per una vasta serie di attività di marketing: per esempio inserendo un form di contatto potremmo raccogliere contatti mail per azioni di newsletter, possiamo fare dell’advertising con programmi come Google Ads, mentre analizzando il traffico degli utenti con Google Analytics possiamo fare delle vere e proprie indagini di mercato, andando a studiare età media, abitudini di acquisto, interessi secondari e molto altro.

 

Social Media

Il secondo ingrediente fondamentale per praticamente ogni tipo di business è il social. La prima cosa che si potrebbe pensare è che sarebbe meglio avere un profilo su qualsiasi social network esistente. In realtà è controproducente poiché disperderebbe i nostri sforzi (o del marketer che segue la nostra attività) e il budget. La prima cosa da fare è chiedersi a quale tipo di persona ci vogliamo rivolgere e per quali obiettivi, andando a scegliere quindi quei social più adatti. Linkedin per esempio è utile per il B2B o per trovare collaboratori, mentre Instagram si presta ad una comunicazione più “giocosa” ed è frequentato da utenti mediamente giovani. Facebook è utile soprattutto per il B2C, come Instagram, ma può prestarsi anche al B2B se ben utilizzato.
In linea di massima l’obiettivo dei social non è tanto convertire (vendite, iscrizioni, lead generation) quanto interfacciarsi con gli utenti o i clienti, poiché particolarmente adatti al customer service e per creare brand awarness.
Tutti i social consentono comunque attività di marketing similari a quelle del sito web, utilizzando però, a differenza di quest’ultimo che necessita di software più professionali, dei tool interni di advertising e di analisi.

 

In conclusione

Il marketing digitale ha un’enorme potenziale di visibilità: si possono creare contenuti ottimizzati per ogni device e personalizzati per ogni tipo di cliente.
Il marketing digitale ha il potere di raggiungere migliaia di persone con investimenti relativamente bassi e, soprattutto, a differenza del marketing tradizionale, ha la capacità di raggiungere consumatori qualificati grazie a campagne sviluppate su specifici target: in pratica, puoi mostrare un annuncio soltanto agli utenti giusti, pronti a comprare oggi stesso. Cosa impossibile da fare con un volantino, un cartellone o uno spot.

Vuoi migliorare la tua presenza online e vendere grazie al Digital Marketing? Suite Design Studio sviluppa la tua strategia di Marketing Digitale.

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

recupero carrelli

E-mail marketing per recuperare i tuoi carrelli abbandonati

Uno studio del Baymard Institute condotto sulle abitudini di utilizzo degli e-commerce ha rivelato che circa il 70% dei carrelli viene abbandonato prima di finalizzare l’acquisto.

Per far funzionare bene un e-commerce il design e la UX del sito devono essere di ottima qualità: buone foto dei prodotti, descrizioni accurate, ottimizzare le velocità di caricamento, rendere la navigazione intuitiva.

Nonostante tutti questi accorgimenti, è normale avere una certa percentuale di abbandono del carrello.

 

Perché i clienti abbandonano il carrello?

I motivi sono molti e di natura diversa:

  • Costo del prodotto o della spedizione elevato
  • Processo di acquisto o di creazione account complicato
  • Mancanza dell’opzione di pagamento preferita
  • Preoccupazioni riguardo la sicurezza
  • Utenti che danno solo un’occhiata

Per quanto riguarda i costi si potrebbero ideare delle promozioni particolari, mentre per l’utilizzo del sito e per le opzioni di pagamento occorrerebbe fare le giuste implementazioni.
Gli utenti che danno solo un’occhiata sono i più difficili da recuperare, ma è possibile grazie ad una campagna mail strategica.

 

Campagna e-mail marketing per recuperare i carrelli abbandonati: come fare?

Le e-mail di recupero sono delle mail automatizzate che vengono inviate nel momento in cui un utente abbandona il carrello per qualsiasi motivo: può essere anche un fatto accidentale, come un errore di caricamento del sito o per ragioni esterne al processo di acquisto.

 

Tempo e frequenza di invio

Le e-mail di recupero devono essere tempestive e non devono essere mai inviate dopo più di un’ora di tempo.
La frequenza di invio è un’altra componente fondamentale: una mail ricevuta troppo di frequente rischia di finire nello spam, al contrario un invio troppo dilazionato nel tempo non potrà essere molto efficace.
È essenziale studiare un calendario editoriale con i primi dati raccolti ottimizzandolo nel tempo.

 

Personalizzazione dei contenuti

Le e-mail di recupero carrello devono permettere di riprendere il percorso di acquisto da dove è stato lasciato, quindi il messaggio ed il layout non possono essere standardizzati per tutti.
La mail deve mostrare quindi il prodotto lasciato nel carrello, il prodotto osservato o quello messo in wishlist, magari con diversi copy adatti ai casi specifici. Per esempio nell’oggetto della mail si potrebbero scrivere messaggi come “Hai dimenticato qualcosa? Ordina ora!”, oppure proporre percentuali di sconto o altre promozioni.

 

Ottimizzazione

Nell’e-mail di recupero carrelli dovrai inserire pochi prodotti, quindi potrai inserire una CTA (invito all’azione) molto chiara e specifica.
Scegli colori e font per rendere ben visibile il tasto o il link ed usa un anchor text orientato all’azione come “Torna al carrello” oppure “Continua lo shopping!”.
È fondamentale ottimizzare la visualizzazione ed il processo perché siano piacevoli anche da smartphone: ormai la maggior parte degli utenti naviga da mobile.

 

In conclusione

Ci sono diversi motivi per i quali un utente può abbandonare il carrello senza finalizzare l’acquisto: sito lento, errori di caricamento, CTA non chiare, ma anche fattori esterni come connessioni interrotte o visite al sito al solo fine di curiosare. In ogni caso una e-mail di recupero carrelli può aiutare a riassorbire tutti questi mancati acquisti.
Deve essere chiara nella comunicazione, attraente e con un certo fattore emotivo. Consigliamo di provare diversi layout e diverse tempistiche fino a trovare il setting più adatto più adatto al settore.

Vuoi migliorare le vendite del tuo e-commerce? Suite Design Studio sviluppa la tua strategia di e-mail marketing!

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

blog e social

Blog e Social Network: come sfruttarli al meglio

Un modo semplice e abbastanza immediato per dare visibilità al proprio blog è la condivisione sui social. Aggiungendo per esempio il link di un articolo a un post di Facebook, verrà creata un’immagine di anteprima e un trafiletto con il titolo. Oltre a portare traffico sul proprio sito, è anche un modo valido per arricchire il calendario editoriale di contenuto utile per gli utenti, che va a “spezzare” una pubblicazione altrimenti solo di natura promozionale (e questo sarebbe un errore).
La condivisione degli articoli è una buona abitudine e una pratica piuttosto semplice, ma ci sono alcuni accorgimenti per migliorare l’esperienza dei follower e portare più utenti sul sito.
Abbiamo stilato 3 consigli da seguire per migliorare il tuo calendario editoriale.

 

Cura l’immagine di anteprima e la didascalia

Se non sei pratico di codice e il tuo è un blog WordPress puoi disporre di diversi strumenti per fare ciò. Uno dei più usati è Yoast SEO, un plug-in che ti consentirà di lavorare sui meta tag in modo semplice compilando un form preimpostato.  Una volta scritto il tuo articolo, troverai in basso la tab di Yoast nella quale dovrai inserire, nell’ordine:
Tag title: ovvero il titolo con cui verrà mostrato il contenuto nei motori di ricerca. Cerca di inserire delle keyword importanti;
Meta description: le due righe di testo mostrate nella serp sotto al titolo. Anche qui è importante inserire delle parole chiave.
Immagine: l’immagine in evidenza è quella che verrà mostrata linkando la pagina sui tuoi canali social. È importante che sia delle dimensioni giuste per non essere ritagliata dal ridimensionamento automatico di Facebook. Noi consigliamo di usare immagini con dimensioni di 1200 x 630 px. Inserisci il tag “alt text” per associare keyword anche all’immagine. Questo migliorerà ulteriormente il tuo posizionamento su Google.

A questo punto non ti resta che salvare, copiare il link sulla tua pagina Facebook e scrivere la tua didascalia. Consigliamo di scrivere poche righe nelle quali anticipare in modo sintetico l’argomento dell’articolo o per creare aspettativa e coinvolgimento inserendo dei quesiti. Utilizzando i tag potrai notificare la pubblicazione a pagine o persone interessate coinvolgendole nella discussione.
Va fatto un discorso a parte per gli #hashtag che oramai non assicurano una diffusione del contenuto significativa, a differenza di Instagram che li utilizza ancora, ma possono comunque servire come un “neretto” o un bold per sottolineare il topic.

 

Ripubblica e ricondividi

Un buon contenuto non si esaurisce in una sola pubblicazione.
In base ai ritmi di pubblicazione del social che usiamo, del nostro calendario e di quello dei competitor, potrai ricondividere un post con link che ha ricevuto un buon numero di interazioni così da proseguire la discussione con gli utenti.
Oppure, se hai un vecchio articolo che potrebbe essere interessante per un particolare periodo dell’anno, fatto di cronaca o trend di ricerca, puoi aggiornarlo, se necessario, e pubblicare nuovamente il link con un nuovo post, così da sfruttare l’interesse del momento per ridare vita a contenuti altrimenti esauriti.

 

Usa tutti gli strumenti editoriali dei social

Ogni social media ha la sua sezione insight, o analitiche, nella quale potrai leggere ogni informazione utile alle tue pubblicazioni: visualizzazioni, interazioni, condivisioni, commendi, giorni in cui gli utenti sono più attivi e molto altro. Cerca di adeguare la tua pubblicazione “inseguendo” il momento migliore per pubblicare e, se necessario, ritocca il tuo calendario editoriale. Una pubblicazione programmata funziona sempre meglio di uno spam casuale di contenuti: i tuoi utenti impareranno presto che in determinati giorni e orari avranno tue notizie e si collegheranno.

Lavora sull’ingaggio (ti saranno d’aiuto gli insights interazioni, commenti e condivisioni) cercando di inserire nel post o nei commenti domande dirette ai tuoi follower o invitandoli all’interazione.

Interpretando correttamente le analitiche vedrai che alcuni contenuti funzionano molto meglio di altri. Considera quindi di sponsorizzare un post che è andato particolarmente bene per portare ancora più utenti suoi tuoi account e, soprattutto, sul tuo blog. Un contenuto organico è visibile solo ai follower, mentre con la sponsorizzazione renderai visibile il post a milioni di persone potenzialmente interessate. Quando sponsorizzi cerca di capire a che tipo di utenti può essere utile il tuo articolo, e seleziona target corretti (età, regione geografica, lavoro, interessi…).

 

In conclusione

Per la buona riuscita di un blog, sia esso personale o legato ad un’attività, i social possono costituire un’enorme opportunità. Unendo da un lato una buona SEO on page e dall’altra con un calendario editoriale intelligente e sponsorizzazioni sui social, si può esprimere il massimo potenziale di un articolo e attrarre, con un contenuto veramente utile, utenza al sito.
Così un articolo può costituire un’importante leva di marketing per fare conoscere la propria realtà.

Vuoi creare un sito e-commerce che converte? Suite Design Studio sviluppa la tua nuova piattaforma di vendita!

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

local news suite design studio

Da virale a tribale: il nuovo modo di fare news

Uno studio di Comscore descrive com’è cambiato il mercato editoriale in questi ultimi anni. “From viral to tribal. The next frontier in publishing”questo il nome della ricerca, ha indagato le abitudini degli utenti inglesi e americani di ogni età per ipotizzare un nuovo scenario nella fruizione e nel consumo di news.

 

Taker, not giver

I social media non hanno perso il loro ruolo di fonte di informazione, soprattutto tra i giovanissimi che li preferiscono addirittura ai siti di news, ma cala in maniera considerevole il numero di condivisioni tornando a preferire lo scambio di opinioni dal vivo.
Taker, not giver quindi, ovvero utenti abituati a “prendere” informazioni dalla rete ma non a darle ad altri.
Le ragioni di quest’abitudine sono diverse, ma principalmente sono da ricercare in una maggiore dimestichezza dei giovanissimi con i social, e maggiore attenzione alla ricerca, cosa che limita anche la condivisione di fake news.
Se i giovani non condividono le notizie sui social, una nuova opportunità che si va a creare è quella degli eventi dal vivo che faccia incontrare le persone con i brand e che prediliga le relazioni umane.
Da notare che, sebbene gli utenti più giovani siano più attenti, il tempo medio dedicato alle news cala notevolmente.
Questo perché la nuova tendenza è quella di legarsi maggiormente ad un solo brand editoriale e di utilizzare di più app, newsletter e canali diversi rispetto al classico sito di informazione.

 

Da news globali a news locali

Un altro dato interessante è quello riguardo la fruizione di news locali rispetto a quelle nazionali o internazionali.
Il giornalismo locale (o addirittura iperlocale) viene sempre più preferito rispetto al giornalismo globale.
Non sorprende che i giornali locali siano gli unici a registrare una crescita apprezzabile e che Facebook e Google diano più peso alle local news.
Un investimento intelligente per queste testate giornalistiche potrebbe essere una maggiore ottimizzazione per il mobile favorendo strategie SEO geolocalizzate.

 

Nuovi modelli di business

La nota più complessa dello studio “From viral to tribal” riguarda la sostenibilità economica: gli utenti non sono disposti a pagare per la semplice fruizione di informazioni.
In questo scenario sono stati molteplici gli esperimenti di monetizzazione, comprese sottoscrizioni, account free e premium e molti altri. In un momento storico in cui tutti fanno informazione, dalle varie piattaforme ai blog passando per i semplici utenti, i lettori sono davvero disposti a pagare in cambio di un contenuto unico, che non si possa trovare altrove e che sia di valore.

 

In conclusione

Ispirandosi alla situazione della nuova editoria si possono delineare nuove strategie di marketing online. Per molte attività potrebbe essere vincente unire ad un piano di content marketing di valore e una SEO più local-oriented, anche una serie di eventi locali, continuando così a curare offline quella “tribù” conquistata online.

Fatti trovare dai tuoi clienti con una strategia di marketing vincente!

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA

come fare content marketing

Come fare content marketing: consigli e strategia

Quando parliamo di  Content Marketing ci riferiamo ad una particolare tecnica di marketing che si basa sulla creazione e condivisione di contenuti (content) interessanti e utili per gli utenti di riferimento.
Non si tratta soltanto di scrivere articoli di blog, ma anche di condividere post sui social media, caricare video e foto e qualsiasi altro tipo di contenuto immaginabile.
Gli obiettivi del content marketing sono molteplici ma viene soprattutto usato per mantenere viva l’attenzione degli utenti fidelizzandoli, è utile per farsi trovare nel momento in cui un potenziale cliente compie una ricerca o manifesta un bisogno e, in un’ottica più ampia, va a inserirsi in un piano di inbound marketing (tecnica che ha come obiettivo il catalizzare l’attenzione in modo organico e senza interrompere la fruizione come fa l’interruption marketing, tipico di TV e radio).

 

Content marketing strategico

Per sviluppare una strategia di content marketing davvero efficace bisogna per prima cosa fare una ricerca delle keyword (parole chiave) di settore, studiare quantità e qualità dei contenuti dei competitor e quali canali utilizza (blog, social, altro) e infine scrivere un piano editoriale dettagliato.

 

1. Definire degli obiettivi S.M.A.R.T.

Quali sono gli obiettivi che si vogliono raggiungere?
Il piano di marketing è finalizzato ad aumentare un flusso di vendita, è orientato al customer care o ad aumentare la presenza sui social?

Un obiettivo di marketing può ritenersi corretto quando è:

S = Specific (specifico), tangibile e che esprime chiaramente cosa si vuole raggiungere e perché;
M = Measurable (misurabile) con dati numerici precisi;
A = Achievable (raggiungibile), ovvero realistico e commisurato alla realtà dell’attività e alle sue capacità;
R = Relevant (rilevante), ovvero che ne vale davvero la pena a livello costi/benefici;
T = Time based (temporizzato), quindi gestibile a per tempistiche.

 

2. Studiare attentamente il target di riferimento

In qualsiasi attività di marketing è fondamentale cercare di capire a chi ci stiamo rivolgendo. In questo senso è utile creare una buyer personas, ovvero un persona fittizia che rappresenti il cliente tipo, a partire dai dati che abbiamo raccolto con precedenti indagini di mercato o altre attività di marketing.
Quando questo risulta impossibile, perché magari è un’attività del tutto nuova, è comunque importante delineare una buyer personas anche se più teorica, e andare a definirla nel tempo in base ai dati raccolti mese dopo mese.

 

3. Comprendere il contesto

L’analisi dei punti di forza e di quelli critici della propria azienda, così come di quelli dei competitor, è una delle attività più importanti e, a volte, sottovalutata.
Per valutare attentamente il contesto si può utilizzare la cosiddetta matrice SWOT (Strenght, Weakness, Opportunities, Threats) che divide i dati raccolti durante l’analisi in fattori interni e fattori esterni all’azienda.
Fattori interni: i nostri punti di forza, Strenght, e le nostre debolezze, Weakness;
Fattori esterni: le opportunità del mercato attuale, Opportunities, e i pericoli dai quali guardarci, Threats.
Uno studio di questo tipo è fondamentale per capire quali sono le eccellenze da mostrare e quali le carenze da risolvere o da trattare con attenzione.

A questo punto si può scrivere il calendario editoriale e passare alla creazione dei contenuti veri e propri.
Con i dati raccolti nei 3 punti principali sarà chiaro quale linguaggio utilizzare, che tipo di video o immagini pubblicare, se preferire il blog, i social o altri canali digitali e, in generale, sapremo parlare con la voce dei nostri utenti.

 

In conclusione

Sul web si legge spesso “content is king”, che il contenuto è sovrano, perché oggi i contenuti sono il “motore” principale della rete.
Basti pensare al fatto che i siti e le app di maggiore successo sono quelli che consentono la condivisione di contenuti testuali, fotografici e video.
In un sistema in cui chiunque può dire la sua, far trovare agli utenti dei contenuti di valore li informa e crea con loro un rapporto di fiducia.
Un contenuto efficace fornisce molte idee agli utenti su come utilizzare prodotti e servizi, fino a trasformarli da visitatori ad effettivi clienti.

Fatti trovare dai tuoi clienti con un piano di content marketing!

Clicca sul pulsante e richiedi una consulenza gratuita!

CONSULENZA GRATUITA